Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Bill e Melissa Gates, ora puntano sulla qualità degli insegnanti

La fondazione filantropica che porta il nome di Bill e Melissa Gates ha deciso un brusco cambio di rotta. Si chiude l’esperienza portata avanti finora che mirava a sostenere  un ristretto gruppo di istituti scolastici di "eccellenza"  che avrebbero poi dovuto fungere da esempio e da elemento trainante per l’intero sistema scolastico e ci si orienta invece verso scelte di carattere diverso, per certi aspetti più "politiche", che individuano specifici problemi di carattere generale che determinano le carenze del sistema educativo per intervenire con imponenti finanziamenti nell’attività di contrasto di questi problemi.  La prima grande area di intervento individuata dal nuovo piano presentato dalla  Fondazione nei giorni scorsi è costituita dal problema della valutazione  del lavoro degli insegnati e dalla necessità di premiare i più validi con un sistema salariale legato alla qualità dei risultati ottenuti.  A questo scopo i coniugi Gates hanno deciso di  stanziare la bellezza di un miliardo di dollari destinati a finanziare due progetti distinti (uno per la valutazione degli insegnanti e il secondo per la creazione di un database nazionale dei risultati di apprendimento ottenuti dagli studenti).

Il brusco cambio di rotta attuato dalla Fondazione rappresenta un vero e proprio mutamento di approccio filosofico al tema della  scuola. I coniugi Gates, infatti, non credono più che per migliorare i risultati di apprendimento dei ragazzi  basti  immergerli in una scuola moderna e ipertecnologica, dotata di tutte le migliori attrezzature, ma quello che torna a contare  è la qualità del materiale umano deputato alla trasmissione della conoscenza.  Alla base di questo cambio di paradigma  ci sono anche i risultati fino a qui ottenuti dalla fondazione in otto anni di attività filantropica concentrata su un ristretto gruppo di scuole (l’8% circa degli istituti pubblici)  nei quali non si è riscontrato alcun evidente miglioramento dei risultati didattici rispetto al resto delle  scuole del Paese.

.